2° quarto di finale: I problemi del partner


Cari trashini,
nei quarti di finale non ci sarà introduzione, ma continuerete a votare per la vostra introduzione preferita.
Eliminata, ahimè, l’auto-intervista di Andrew TrashCup, attestatasi al 7% delle preferenze. Restano ancora i rap di G&G (al momento l’introduzione più votata), l’intervista ai fuori sede che ha scavalcato le rime di Carrisi alias Dante, e poi l’intervista al Dr. Giuranna. Tra una settimana elimineremo un’altra introduzione. Intanto voi continuate a votare: da oggi potete esprimere al massimo DUE preferenze.


Dopo l’eliminazione dei Sciosciammocca con Alessio, è rimasta solo Tina Sacco a rappresentare la squadra “Napoli”. A lei, alla sua finezza ed al suo sex appeal sono dunque affidate le sole speranze di traghettare la squadra partenopea alla vittoria almeno della gara individuale. I presupposti ci sono tutti, visto che nei primi due turni ha prima fatto fuori l’ex ballerino tarantolato degli 883 Mauro Repetto e ha poi trucidato la famiglia Facchinetti.
Nun fa ‘a scema” è una storia di amori, tradimenti, gelosie: quello che Moccia ha fatto in due film, Tina Sacco lo condensa in sette minuti, e per di più con il triplo del pathos. La migliore amica di Tina guarda il marito di quest’ultima, e per di più con un’aria “tutta intellettuale” (talmente intellettuale che al suo arrivo chiede “Titì, ma me vulivi?”). Venire alle mani è a questo punto veramente il minimo. Come finirà?



Se la Sacco è l’unica della squadra “Napoli”, Solange è l’unico rappresentante storico della TrashCup che continua a restare nei cuori di voi trashini. Ricordiamo il suo secondo posto nel 2009, il Premio della Critica nel 2010, ed, in questa edizione, le eliminazioni inflitte ai danni di Cinzia Oscar e di Anna Sax . Vediamo come proseguirà la parabola dell’unico sensitivo al mondo capace di leggere le mani ed anche i piedi via mail.
Non so se dire se “Angela angelo” è una canzone, una poesia o qualcos’altro. È qualcosa di difficilmente definibile, come il sesso del suo interprete. Una storia strappalacrime, raccontata da una toccante declamazione su una base che è uno scarto di Richard Sanderson. Solange ricorda la sua donna Angela attraverso una lettera affrancata “con il francobollo della fantasia” ed imbucata “nella cassetta dei sogni”. In altre parole, tre minuti di delirio.



Il partner dà problemi: può essere oggetto di ammirazione o può venire a mancare. Consoliamo uno tra Tina Sacco e Solange attraverso il voto.

Per guadagnare punti per il concorso mp3sh (vedi regolamento…) lasciare, oltre al voto, un commento a sostegno di uno dei due sfidanti o un’analisi sulla sfida.

Annunci

Pubblicato 17 luglio 2011 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: