14ª sfida: Le cover




Per la squadra “Napoli”, debutta nella TrashCup Enzo Caradonna, uno dei tanti neomelodici emersi a metà anni Novanta, un periodo d’oro della musica neomelodica partenopea. In quel periodo, infatti, iniziarono i primi one-man show neomelodici trasmessi dalle reti locali. Spettacoli fatti in casa nel senso letterale del termine: i cantanti trasmettevano e venivano telefonati dagli innumerevoli fans a casa propria. In quel contesto, nacque “Casa Caradonna” che lanciò definitivamente quel cantante che nel futuro avrebbe fatto duetti importanti, sia con esponenti della vecchia scuola come Enzo Di Domenico, Mauro Nardi e Gianni Celeste, sia con i giovanissimi come Raffaello Junior, Sara Blondy e Genny Daniel. Nonostante oggi vada per la maturità, Enzo è ancora un idolo delle ragazzine, che cercano di carpire informazioni circa il suo stato civile: Ebbene sì: esiste il gossip anche su Enzo Caradonna!
Con un curriculum così, Caradonna non poteva non confrontarsi con Fabrizio De Andrè, interpretando la cover napoletana di “Bocca di rosa”. Immaginate Faber che intramezza le canzoni con locuzioni del tipo “Addo stà?” e “Assettateve” o che è assalito dai fans nel mentre dell’esibizione. E che la leggerezza di De Andrè nel parlare di una donna osteggiata, perché fa l’amore per passione, lasci spazio ai toni melodrammatici ed infarciti di gargarismi tipici della musica neomelodica. “Vucchella ‘e rosa è un’immigrata che si innamora dell’”ommo sbagliato”, che la mena e la mette a battere sul marciapiede. Fin qui tutto tranquillo, ma quando Vucchella si accorge che l’uomo la tradisce, soffre seriamente. Fortunatamente, però, il narratore della storia si innamora di lei e la sposa, non solo tralasciando il suo passato, ma redarguendo anche chi sfotte le prostitute. A questo De Andrè non ci aveva pensato.



Milan l’è simper un gran Milan. La sede dei Visconti e degli Sforza, il centro economico dell’Italia, due prestigiose squadre di calcio, i natali dati a Silvio Berlusconi e soprattutto più di quaranta circoli del Partito Democratico. Sceglierne uno tra questi è impresa ardua, soprattutto quando ci sono dei nomi del tipo “Ma anke” (esiste davvero!). Ma noi di TrashCup puntiamo su “02PD”, che non è una targa, ma “è una rete di persone impegnate nella costruzione del Partito Democratico a Milano”. I suoi slogan sono “Buttiamola in politica” e “a Milano piace democratico”: se il capoluogo lombardo è una delle roccaforti del centro-destra non è certo un caso. Ad ogni modo, il circolo salì alla ribalta nel 2008 quando, per sostenere la candidatura di Veltroni alla Presidenza del Consiglio, scrisse e realizzò con i propri fondi il videoclip del loro inno del PD. Nessun partito di sinistra ha mai fatto una spesa migliore.
I’m PD” è la cover di “Y.M.C.A.” dei Village People, i quali ne chiesero (ed ottennero) la rimozione. Non si sa se ciò sia dovuto ad una questione di diritti d’autore o ad una questione di vergogna. Il pezzo esalta le capacità di quel fine stratega politico di Walter Veltroni, al quale i cantori avrebbero voluto affidare il proprio futuro. Le differenze con l’inno della fazione politica opposta (“A Silvio”) terminano qui. Per il resto, è tutto uguale: una serie di figure professionali e non esortano a votare “per l’Italia che si innamora”, invitano a credere in un sogno (ricordate lo slogan “Si può fare?”) e denigrano avversari o traditori (Silvio, Dini e Mastella). Vale la pena soffermarsi su alcuni personaggi: la paziente in cura psicanalitica (e te credo!) che si gira improvvisamente per dire “Vota!”, la squadra di calcetto che esegue un numero degno del nuoto sincronizzato e l’uomo che utilizza un rasoio come microfono.



In genere le cover non piacciono, ma queste due sono davvero speciali. Peccato che solo una di queste due sarà riproposta agli ottavi della TrashCup. Chi pensate sia più degna di proseguire il cammino?

Per guadagnare punti per il concorso mp3sh (vedi regolamento…) lasciare, oltre al voto, un commento a sostegno di uno dei due sfidanti o un’analisi sulla sfida.

La presentazione-rap è scritta e cantata da G&G. VISITA IL SUO MYSPACE E GUARDA LA PRESENTAZIONE DEL SUO NUOVO CD!

Annunci

Pubblicato 8 aprile 2011 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: