13ª sfida: Sesso selvaggio




Anche quest’anno la squadra “Napoli” schiera tra le sue fila il primo cantante trans della storia della musica napoletana. Nasce come Ciro, a 25 anni diventa Valentina, prende il microfono in mano (notare come su questo blog vengano evitate battute facili e volgari) ed inizia a cantare. Nel suo primo musical-show, trasmesso da Tele Akery, Valentina è oggetto dei più esecrabili insulti omofobi (e negli anni Novanta l’omofobia era molto più tollerata di oggi), ma lancia il suo cavallo di battaglia “OK”, caratterizzato dal verso “Sarei una pazza se non ci verrei”. Il brano arriva perfino su Raidue, grazie alla parodia della comica Rosalia Porcaro, e, molti anni dopo, è quarto alla TrashCup 2010. Perfino il suo nome d’arte muta in Valentina OK. Ultimamente Valentina OK ha condotto “Napoli KO” sulla FlopTV di Maccio Capatonda, ed ha dichiarato che per lei “è impossibile innamorarsi di un uomo col pene piccolo” (o almeno più piccolo del suo).
La festa di Piedigrotta è una festa storica per Napoli ed ogni anno vengono invitati grandi nomi dello spettacolo per l’occasione. Nel 2009 arrivò anche Valentina OK a presentare il suo nuovo singolo, “KO”, che altro non è che il sequel del suo pezzo più famoso. Ma mentre in genere i sequel sono solo una pallida imitazione del successo originale, in questo caso le attese sono mantenute. L’episodio cardine è l’appuntamento che Valentina fissa alle sei con un uomo. Mentre in “OK” si racconta tutto ciò che succede prima delle sei, ovvero la preparazione, in “KO, si racconta il dopo, ovvero il coito. L’uomo concede “il super-OK” a Valentina, che sottomette sessualmente il suo nuovo partner ed entra nel più pieno appagamento sessuale, sottolineato dal verso “Ma che goduria! So’ soddisfatta!”. È così impone un futuro tutto sesso all’uomo, che dovrà rinunciare perfino al suo PC.



Quant’è bella la discoteca! Non è solo il posto ideale per alcolizzarsi, impasticcarsi, iniettarsi qualcosa nelle vene ed intrattenere rapporti sessuali con persone dal sangue infetto, ma è anche l’unico posto che permette di ascoltare tanta buona musica, spesso non distinguibile dall’inquinamento acustico. La musica dance o disco-dance fino ad adesso non è mai arrivata su TrashCup, anche perché spesso si tratta di un’operazione volontaria da parte di un DJ, consapevole che il suo pezzo sarà ascoltato da masse di adolescenti decerebrati. Ma stavolta crediamo che ne sia giunto il momento. Tutta questa manfrina sulla musica dance per introdurre il rappresentante del “Resto d’Italia”, le cui notizie biografiche a nostra disposizione tendono allo zero assoluto. Si chiama Danny Chunga, è italiano, nel 1994 incise un pezzo che si rivelò un flop e poi è sparito nel nulla. Un altro mistero alla Gregorio?
Quell’anno il pezzo “Pass the toilet paper” degli Outhere Brothers ebbe un discreto successo in Gran Bretagna: si trattava di una scaricata di male parole inglesi sciorinate su una base truzza. Danny Chunga fu arguto a capire che un pezzo così necessitava di essere importato e ne fece la versione italiana. Nacque così “Fammi vedere la …”: nonostante la censura nel titolo, il brano è molto esplicito. Il DJ invita una donna a mostrargli l’apparato che le consente di mettere al mondo dei figli; si rivolge al suo pubblico, ovvero gli uomini “che stasera vogliono scopare” e le donne “che del cazzo vanno pazze; invita i filosofi che lo ascoltano a gridare durante la declamazione di logismi di stampo neosofistico come “succhiare” e “fottere”; e, quando necessario, cita ad capocchiam le parole “fichetta” e “pisello”, che fanno sempre molto chic. Sei minuti e mezzo così: ed adesso ascoltateveli tutti!



Sesso selvaggio con Valentina OK o con Danny Chunga?

Per guadagnare punti per il concorso mp3sh (vedi regolamento…) lasciare, oltre al voto, un commento a sostegno di uno dei due sfidanti o un’analisi sulla sfida.

La presentazione-rap è scritta e cantata da G&G. VISITA IL SUO MYSPACE E GUARDA LA PRESENTAZIONE DEL SUO NUOVO CD!

Annunci

Pubblicato 2 aprile 2011 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: