3° ottavo di finale: Canzoni allegre

Cari trashini,

approfittiamo del fatto che la bella stagione è alle porte per dedicare una sfida ai motivetti freschi, allegri ed orecchiabili. In realtà, anche dietro i motivetti più gioiosi, si celano argomenti molto seri. Per esempio “Nun sì bbuono” affronta l’annoso tema dell’impotenza maschile, mentre “La focaccia” non si capisce esattamente di cosa parli, ma di sicuro nasconde qualcosa di terribile. Ai microfoni di TrashCup

 

MILENA GAGLIOTTA vs MARIA TERESA RUTA

 

La squadra “Napoli” è rappresentata dalla veterana Milena Gagliotta, diffusa nel web grazie all’accoppiata Trashopolis-TrashCup. In particolare, la sua qualificazione agli ottavi della TrashCup ha rilanciato le vendite dei suoi vinili, oggi acquistabili mediante aste su e-bay. Siamo pronti a scommettere che i collezionisti più accaniti non baderanno a spese per simili gemme. Ma non lo facciamo, perché preferiamo ascoltare i suoi brani.

Come “Nun sì bbuono”, invettiva della Gagliotta contro un amante vecchio, racchio e gualleroso. La canzone, interpretata con un impeccabile playback, è accompagnata da un video cosmopolita, in cui i simboli della napoletanità (il Vesuvio e via Caracciolo) si fondono con alcuni aspetti peculiari della cultura orientale, come le cinture con attaccatura ascellare e i sorrisetti reiterati e smaliziati. E così fu che Milena conquistò il Mondo.

 

http://dailymotion.virgilio.it/swf/video/x6ox3y

 

Per il “Resto d’Italia”, c’è invece Maria Tersa Ruta, colei che due mesi fa ha mobilitato la stampa più rinomata per delle dichiarazioni di interesse mondiale, dove criticava pesantemente il Grande Fratello. Del resto, la Ruta ha partecipato a programmi di ben altro spessore, come l’”Isola dei famosi”, dove recentemente ha anche mandato la figlia Guenda.  Con la quale ha fondato, tra l’altro, il gruppo musicale Las Margheritas.

Ma già molti anni prima della nascita di questa novità musicale di cui non si poteva fare a meno, Maria Teresa Ruta già faceva scempi del pentagramma, cantando “La focaccia”. Si tratta di un motivetto plagiato da Claudio Villa (anche intonazione ed estensione vocale sono simili), su cui è appioppato un ritornello come “ahi ahi ahi ahi muchacha guarda che brutta faccia” e mal celati doppi sensi come “quando la sera arriva e lui ha giù la pila”.

 

 

Le due perle musicali sono ritornate alla vostra memoria, ma potete sceglierne solo una. Trovate più giusto che dietro un motivetto allegro si nasconda l’orgoglio femminile di Milena Gagliotta oppure i deliri spagnoleggianti di Maria Teresa Ruta? A voi la scelta.

 

VIA AL TRASH-VOTO!

Per votare fare clic su “Aggiungi commento” ed esprimere la propria preferenza. Il voto va all’artista/canzone ritenuto/a più trash.

Annunci

Pubblicato 4 giugno 2010 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: