9ª sfida: W gli animali!

Cari trashini,

dedichiamo questa nona sfida al WWF (anche se per me WWF vuol dire Viva Viva … e il resto non è difficile da immaginare…). Non presentiamo dei soliti luoghi comuni del tipo ‘Gli animali sono meglio degli uomini’ oppure ‘Porco cane!’ , ma delle vere e proprie opere musicali sullo strettissimo legame uomo-animale. Se in “Damme ‘o cane” si esalta la fedeltà del segugio, “Animal Rock” encomia alcune proprietà del regno animale. Trashine e trashini, tutti per voi

 

ENZO ROMANO vs CICCIOLINA

 

Stavolta per la squadra “Napoli” non presentiamo il classico neomelodico, ma andiamo un po’ a scavare nella tradizione partenopea. L’artista che vi proponiamo è Enzo Romano, che, rispetto ad altri partecipanti alla TrashCup, vanta un curriculum variegato, a tratti dignitoso. Emerge negli anni Cinquanta come attore di fotoromanzo, dopodiché si dedica al cabaret ed alla macchietta. Inizia poi negli anni ’60 con la cine-sceneggiata, sotto l’egida di Mario Merola e Pino Mauro. Ritorna dunque al cabaret, formando con Salvatore Pirone il duo “’E figlie ‘e ‘ndrocchia”, che propone per lo più canzoni sul Calcio Napoli (come l’inno “’O Napule è ‘nu cannone”), che in quel periodo attraversava gli anni d’oro: suoi i sublimi versi “Nuje tenimm a Maradon, allisciatece ‘o baston”. Dagli anni Novanta in poi è tutto teatro (esperienze con Giuffrè e Scarpetta) e fiction napoletana da RAI (“La squadra” e “Un posto al sole”).

Proponiamo questa settimana “Damme ‘o cane”, che, a giudicare dall’aspetto giovanile del buon Romano, dovrebbe collocarsi temporalmente a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta. Il pezzo, scritto dal suo compagno d’avventure Pirone, è finito anche in RAI, interpretato nientedimeno che da Marisa Laurito alla trasmissione di Paolo Limiti (mica cazzi!). Il brano ha per soggetto un uomo che, in seguito al divorzio, chiede accoratamente all’ex moglie di riavere indietro il cane, di cui conserva gelosamente una foto sulla scrivania (o è un fotogramma del film di Lassie?). I punti forti del pezzo sono la carica interpretativa di Enzo, che farebbe invidia al miglior Gassmann; un playback preciso quanto Alfredo Milioni; ma soprattutto la location, caratterizzata da un tavolino rubato ad un lounge bar di Licola, sul quale poggia in evidenza una bella confezione di Caffè Kenon, che va in culo a tutte le norme pubblicitarie.

 

 

Abbiamo già conosciuto colei che sì rappresenta il “Resto d’Italia”, ma di nascita è ungherese: si tratta di Ilona Staller, meglio nota con l’appellativo di Cicciolina. Il sogno di molte attrici era quello di recitare con Visconti o con Fellini: lei si è invece affidata a Riccardo Schicchi e Jim Reynolds, ma non sembrava affatto infelice. Anzi, col suo anfitrione Schicchi si è instaurato un forte sodalizio, che ha sia prodotto l’agenzia Diva Futura, da cui sono uscite primedonne come Moana Pozzi e Barbarella, sia portato il porno in musica, inventando il porno-pop, genere che avrebbe dovuto eccitare il rattuso ascoltatore. Il suo CD fu censuratissimo in Italia, il paese moralista per eccellenza, che però le ha concesso l’opportunità di sedere in Parlamento. Il nostro vanto è quello di essere stati gli unici ad aver usufruito del suo impegno politico, visto che alle elezioni nazionali ungheresi Ilona fu trombata (con sua somma gioia?).

Dal provocante quanto noto CD “Muscolo rosso”, andiamo ad estrarre “Animal rock”, che illustra come l’amore smodato per gli animali può indurre a cercare loro caratteristiche anche nella persona amata. Per conquistare il pubblico infantile, il pezzo si apre con una rivisitazione della “vecchia fattoria”, che, grazie ad un astuto gioco di parole, diventa la ‘vecchia fotteria’. Dunque parte il brano, dove l’erotismo dovrebbe essere contenuto nei duetti di Cicciolina con cani, cavalli e canarini, ai quali proferisce versi sublimi come ‘Fottimi animale automatic’ (con l’ultima parola che induce a riflettere sul sopravvento delle macchine nel mondo odierno). Focalizziamo l’attenzione sul ritornello, ricercato sia per la forma, con le rime date dalla coniugazione di tutti i verbi al futuro, sia per il contenuto, con l’espressione di casti quanto fantasiosi versi (‘io ti scoperò/ io ti fotterò/ ti spampinerò/ il tuo sperma mi berrò’).

 

 

Adesso potete chiudere le orecchie e pensare. A chi volete far passare il turno? Volete che venga riproposto l’appello strappalacrime di Enzo Romano oppure la richiesta un tantino spinta di Cicciolina? A voi la scelta.

 

VIA AL TRASH-VOTO!

Per votare fare clic su “Aggiungi commento” ed esprimere la propria preferenza. Il voto va all’artista/canzone ritenuto/a più trash.

 

Comunicazione si servizio: l’intervento della scorsa settimana (quello della sfida tra il trio Chiangiano-Valentino-Piccola Anna ed il duo Timothy & Sarah) è stato scritto grazie all’ausilio di Trashino Wangyang, che ha ovviato ai problemi tecnici, di cui ultimamente sono vittima.

 

COMUNICAZIONE MOLTO IMPORTANTE:

Dopo la censura del pezzo “Bellissima” di Giuseppe Junior, terzo classificato alla TrashCup 2009, l’infamità si è avventata anche sulla canzone vincitrice dello scorso anno, “Gigino ‘o Bello” della Piccola Anna. Inutile sprecare altre parole: la nostra posizione è già stata espressa due mesi e mezzo fa in questo post.

La cosa grave è che il tubo non si è limitato ad eliminare il video incriminato, ma ha rimosso dalla rete tutti i video postati da Trashopolis, il sito nostro padre illegittimo, che sono delle testimonianze uniche della musica e della televisione napoletana ed italiana. Non possiamo che dare la massima solidarietà a Trashopolis ed al suo fondatore, il nostro amministratore ad honorem Ciro Ascione.

Annunci

Pubblicato 18 marzo 2010 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: