La Piccola Anna, ovvero l’importanza del monosillabo

Cari trashini,

 

WE’VE GOT HER !!!!

 

Ce l’abbiamo.

NOI DI TRASHCUP SIAMO I PRIMI AL MONDO AD INTERVISTARE LA PICCOLA ANNA.

La Piccola Anna è il personaggio del momento, in primis per la vittoria della TrashCup, e poi, da una parte, per i vergognosi attacchi subiti dalla carta stampata, e dall’altra, per gli elogi a lei tessuti da Alberto Donatelli.

Abbiamo voluto comunicarle tutto, e conoscere cosa lei ne pensasse di tutto ciò.

È bastata una telefonata al numero “Infolain” in sovraimpressione sul videoclip dell’ormai hit “Gigino ‘o Bello”, per sapere di tutto, e forse anche di più.

Il primo tentativo è stato vano: un signore, che poi si è rivelato essere il padre della Piccola Anna, ci ha comunicato che l’artista non era disponibile in quel momento, e di riprovare più tardi.

L’attesa è durata solo cinque minuti. Dopodiché la Piccola Anna ha dato sfoggio ad un’eloquenza degna di Harpo Marx: la vittoria della TrashCup, gli apprezzamenti di Alberto Donatelli, il suo pezzo ed il messaggio che manda, sono stati tutti commentati con dei secchi “sì, sì” o “no, no”. Era evidente che la giovane artista era emozionata, e del resto chi non lo sarebbe dopo aver ricevuto la comunicazione della vittoria della TrashCup! E così il padre, che da questo momento in poi chiameremo il signor Piccola Anna, un uomo dall’appena percettibile accento di Torre del Greco, ha preso in mano le redini della situazione.

E ci ha svelato alcuni interessanti retroscena.

In un sottofondo di sententiae torresi, dalla non immediata comprensione, che hanno contribuito a creare un’aria più solenne alle dichiarazioni esclusive del signor Piccola Anna, abbiamo appreso che il video di “Gigino ‘o Bello” “non è una cosa violente” ed è stato creato “a scopo dei ragazzi che si divertivano”. Insomma, contrariamente a quanto vogliono far credere i bacchettoni della carta stampata, la canzone non vuole elogiare il bullismo, ma semplicemente ci gioca su.

Veniamo a sapere inoltre che la canzone in questione è datata 2005, e che adesso la Piccola Anna, in piena fase post-puberale, non canta più “perché il fratello si è fidanzato”. Non comprendiamo il nesso tra le due cose, ma lo accettiamo come dogma. Ed emerge fuori un altro scoop: il fratello della Piccola Anna è nientepopodimeno che Valentino (o meglio “Valendino”), altra stella emergente lanciata dal patron Rino Chiangiano, con il quale la Piccola Anna ha duettato in diverse canzoni, come “’Na brutta storia” (ricordate questo titolo, ne risentirete parlare!). Anche Valentino, purtroppo, ha smesso di cantare e si è trasferito a Milano.

Non c’è altro da dire: ascoltate e godetevi lo scoop!

PS Si ringrazia Trashino Wangyang per aver messo a disposizione la sua telecamera.

 

 Con l’intervista alla vincitrice, possiamo definitivamente (o forse no) archiviare la TrashCup 2009.

Ma non preoccupatevi: tempo 4 giorni, e si ricomincia con la TrashCup 2010!

 

Stay tuned!

Annunci

Pubblicato 6 dicembre 2009 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: