2ª semifinale: Il giovane fuori ed il giovane dentro

Cari trashini,

dopo la combattuta sfida della scorsa settimana, è ora di scegliere l’altro finalista. In questa seconda semifinale, abbiamo due artisti molto diversi tra loro, ma accomunati dal fatto di non sentire la propria età. Infatti, da una parte, c’è un ragazzino, già fidanzato e in cerca di esperienze sessuali con la sua “Bellissima”; dall’altra, c’è un uomo ultracinquantenne, che si muove, canta facili ritornelli come “Sole Solange”, e ragiona come un bimbo. Tutti per voi,

 

GIUSEPPE JUNIOR vs SOLANGE

 

Per “Napoli”, abbiamo l’altra perla del vivaio di Rino Chiangiano. Si chiama Giuseppe Junior, ed è l’unico vero erede dell’ormai detenuto Piccolo Nardi. E il personaggio in cui si cala in alcuni suoi brani, dove compie furti ed omicidi, fa intuire che l’influenza del Piccolo Nardi non è solo musicale. I temi più ricorrenti nella produzione musicale del dodicenne artista sono la malavita e soprattutto le donne: chissà se un giorno ce lo ritroveremo come Presidente del Consiglio!

Bellissima” rappresenta un pezzo unico ed irripetibile sia grazie alle meticolose coreografie dei due muccusielli, sia grazie alla sentita, accorata ma soprattutto intonata interpretazione del cantante, ma in particolar modo per il contenuto. Giuseppe già pensa a quando passerà tutte le notti con la sua fidanzatina, quando lei sarà sua moglie, nonché una copia di Nadia Rinaldi, ma non ritiene sia il caso di attendere ancora per consumare il primo amplesso.

L’originale brano non ha mai avuto particolari problemi a vincere le sfide per il passaggio del turno. Nell’ultima gara dei sedicesimi ha superato con un sonoro 7-1 il duo delle sue coetanee Gaia e Luna, che volevano essere “Come Vasco Rossi”; è seguita poi una risicata vittoria (2-1) contro il “Triccheballacche” di Orlando Portento. Infine ai quarti, ha umiliato con un 5-1 uno dei più accreditati del torneo, il pianobarista Andrea Vantini, autore dell’inno “A Silvio”.

Le tre sfide di Giuseppe Junior:          vs Gaia & Luna  vs Orlando Portento     vs Andrea Vantini

 

 

A rappresentare il “Resto d’Italia” c’è invece quel gran ganzo di Solange, un uomo (o quasi) capace di fare TV culturale (“La fattoria” e “Buona domenica”), cinema impegnato (“Matrimonio alle Bahamas”), libri best seller (“Mani da VIP”) e musica ricercata. In più è uno dei più grandi chiromanti al mondo, capace di leggere la mano anche via mail, come asserisce sul suo blog. Ultimamente si è scoperto anche etero, alla faccia di Povia!

Il tormentone “Sole Solange”, scritto dal grande Alberto Lagomarsini, è stato descritto da lui stesso in un intervista a Musicalnews: “L’idea è nata perché avevo voglia di cantare un pezzo allegro. Anche se “Sole Solange” nasconde una venatura più amara. Infatti nel testo viene citata la frase ‘endovene d’amore che ci forano il cuore’, che è legata al discorso della droga.” Quindi, dietro a quelle mossette da checca, c’è in realtà un forte messaggio sociale.

Il brano ha esordito nella TrashCup superando per 4-2 un altro tormentone estivo, quale è “Mare” di Angela Fiore. Ha poi battuto in una serrata sfida all’ultimo sangue e all’ultimo voto la canzone strappalacrime di Gianni Celeste “Senz’e te so’ ‘na vela stracciata”: 3-2 il risultato finale. Infine, la gara che ha consentito a Solange l’ingresso nei primi quattro, è quella in cui si è imposto per 4-2 all’invettiva “Amore vaffanculo”, cantata da Lian.

Le tre sfide di Solange:           vs Angela Fiore            vs Gianni Celeste          vs Lian

 

 

Queste canzoni sono pronte ad essere poste al vostro giudizio per la penultima volta. Chi volete in finale? Il ragazzino con la mentalità ed i pensieri dell’adulto, ovvero Giuseppe Junior, oppure la tardona con la mente da bambina, ovvero Solange? A voi la scelta!

 

3, 2, 1 … VOTATE!

Per votare, cliccare su “Aggiungi commento” ed esprimere la propria preferenza. Il voto va dato all’artista/canzone ritenuto/a più trash.

Annunci

Pubblicato 10 settembre 2009 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: