1° quarto di finale: ed è subito derby

Cari trashini,

il tabellone ha voluto che il terzo turno riservasse subito un derby tutto italiano. Infatti i rappresentanti rimasti della squadra “Resto d’Italia” sono in eccesso rispetto a quelli della squadra “Napoli”, e uno di loro dovrà dunque – ahimè – lasciarci questa settimana. Le hit “Cosa ti resta” e “Ambarabà” sono risultate molto gradite a voi trashini, ma adesso avete il difficile compito di scegliere chi più merita di giocarsi il podio tra

 

KARIM CAPUANO vs NILLA PIZZI E MARIA TERESA RUTA

 

Antonio Capuano in arte Karim è nato dalla famigerata scuola di “Uomini e donne”, riuscendo a dimostrare in seguito di essere anche un attore per film da Oscar come “Il latitante” e “Parentesi tonde”, e un inimitabile cantante. Non a caso, nei primi due turni della TrashCup si è sbarazzato facilmente prima di Gianni Sacco, poi di Ida Rendano, due colossi della musica napoletana, ricevendo in tutto solo due voti contrari.

Cosa ti resta” è la struggente vicenda di un uomo che vuole un figlio dalla sua compagna, la quale però pensa solo alla carriera e dunque non ha intenzione di fare la mamma. L’espressività, l’intonazione e la suadente voce di Karim hanno commosso i nostri lettori, colpiti anche dai fantastici espedienti utilizzati nel videoclip, come la predominanza del colore rosso e l’estenuante e commovente corsa finale, accentuata da moviole e fast forward.

Il percorso di Karim:    Primo turno      Ottavi di finale

 

 

L’agghiacciante duetto tra la sempreverde Nilla Pizzi e la spettacolare Maria Teresa Ruta è tra coloro che hanno ricevuto più voti nella competizione, riuscendo prima ad eliminare Roberto Stallone, poi a surclassare un pezzo grosso come Gino Del Miro. La coppia è stata composta nel 2003, anno in cui la Pizzi ha sentito, dopo anni di onorata carriera, l’impellente esigenza di duettare con artisti del calibro di Valeria Marini, Platinette e della stessa Ruta.

Di “Ambarabà”, i lettori hanno apprezzato la geniale idea di tradurre in italiano un gradevole tormentone come “Asereje” delle Las Ketchup. Così, dopo aver ballato per un’estate intera (quella del 2002) questa filastrocca spagnola, è stato possibile scoprire il recondito messaggio che le Ketchup volevano comunicarci. Ma attenzione: il ritornello è tutto Made in Italy, con l’opportuno inserimento dell’italianissima filastrocca delle civette sul comò.

Il percorso di Nilla e Maria Teresa:    Primo turno      Ottavi di finale

 

 

Questi video e queste canzoni imperversano sempre più nei vostri cervellini. Ma a chi volete dare l’opportunità di giocarsi il podio? Alla triste vicenda degnamente raccontata dal tronista Karim o all’allegra cover dal sapore estivo della coppia Pizzi/Ruta? A voi la scelta.

 

3, 2, 1… VOTATE!

Per votare, ciccare su “Aggiungi commento” ed esprimere la propria preferenza. Il voto va dato all’artista/canzone ritenuto/a più trash

Annunci

Pubblicato 2 luglio 2009 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: