9ª sfida: L’invettiva al traditore

Cari trashini,

l’uso della parolaccia e del turpiloquio non sarà politically correct, ma quando ce vò, ce vò, porca puttana! Ad esempio, quando ci si trova di fronte ad un partner amoroso infedele, come in “Amore vaffanculo”, o bugiardo, come in “FDM (Faccia Di Merda)”, qualche parola di troppo, cazzarola, può uscire! Tutto questo discorso è per inserirvi nel contesto della sfida n.9 della TrashCup, i cui protagonisti sono

 

LIAN vs ROSITA CELENTANO

 

Per questa sfida, il team partenopeo manda avanti Lian, ‘famoso cantautore napoletano dal 1996 entrato nel cuore di tutti gli amanti della musica neomelodica partenopea’. Almeno così si legge dal suo sito ‘stellare’. ‘Stellare’ perché, appena si accede al portale, parte la musica di Guerre Stellari e si vede lo stesso sfondo del film, con tanto di scritte bianche che scorrono verso l’alto. Il regista Gorge Lucas si è detto orgoglioso di tale citazione. Terminato l’intro, dal theme di Star Wars si passa alla musica di Lian: no comment! Ma, del resto, Lian è abituato a questi cambi repentini di musicalità, tant’è che diverse sue canzoni sono caratterizzate da ritmi completamente diversi tra strofa e ritornello. La carriera di Massimiliano (vero nome di Lian) parte, appunto, nel 1996, poi nel 2000 arriva il suo CD, e recentemente c’è stato il suo ritorno, con la conduzione di una trasmissione sulla rete locale TVA.

Amore vaffanculo”, il brano dal titolo agrodolce qui proposto, è la sua hit di maggior successo: ne esistono addirittura tre versioni (originale, rock e dance) ed il singolo è stato accompagnato da un omonimo e splendido cortometraggio, che meriterebbe una trattazione a parte. In questa sede ci concentriamo invece sulla canzone. Lian si accorge che qualcosa non va con la ragazza, e difatti, con molto tatto, è la ragazza stessa a confessargli ‘Je me so’ stancata ‘e te strunzià ‘nzieme cu chillu là’. Insomma, Lian ha le corna! Parte così una scaricata di male parole alla zoccola, alla quale Lian rinfaccia, tra le altre cose, di non aver gratitudine verso chi gli ha ‘imparato’ a far l’amore. Il culmine è nel rap finale, dove in soli 16 secondi, Lian proferisce talmente tanti epiteti poco convenzionali, che al confronto gli Squallor sembrano il Piccolo Coro dell’Antoniano. Menzione per la ballerina Valentina, che ha la stessa mobilità di Schwarzenegger ed è protagonista di un divertentissimo siparietto con Lian a fine canzone.

 

   

 

Il “Resto d’Italia” risponde con Rosita Celentano, una delle figlie della ‘coppia più bella del mondo’. Con un cognome del genere, la povera Rosita ha trovato molte difficoltà ad inserirsi nello spettacolo. E infatti ha fatto tutto: TV, cinema, musica, libri. E (quasi) tutto le è venuto male. In TV, ricordiamo “La domenica del villaggio” affianco a Mengacci, il suo ruolo di inviata a Music Farm, ma soprattutto il Festival di Sanremo 1989, dove, assieme ad altri tre ‘figli di papà’, regalò la peggior conduzione della storia del Festival. Nel cinema, qualche apparizione nei film del padre e nella fiction su Rino Gaetano, e ruolo di protagonista in “Mak ¼ 100”. Nel settore libri, è stata autrice del best seller “Grazie a Dio, ho le corna” (titolo intrigante). Ma in un campo Rosita svetta: il gossip. Le sue storie col circense Paride Orfei, col cantante Jovanotti e con il California Dream Men Mario Ortiz hanno sovente portato a parlare di lei.

Per quanto concerne la musica, dopo un duetto con un allora sconosciuto Marco Masini, nel 1994 è arrivato il suo primo ed unico LP, di cui presentiamo la title track. Con “FDM”, la figlia d’arte anticipa di un po’ il linguaggio degli SMS: l’acronimo, infatti, sta per “Faccia di Merda”. Rosita si rivolge al suo compagno ‘falso e bugiardo’, spiegandogli che, in conseguenza di tale comportamento, lei preferisce, piuttosto che tagliarsi le vene, andare in Chiesa e confessarsi. La cosa fila, no? Dunque la Celentanina si trova a tu per tu col Padreterno e secondo voi pregherà per la fame del mondo, le ingiustizie e la remissione dei peccati? No, Rosita ha un rapporto confidenziale con Dio, e si sfoga con Lui, dicendoGli, da vera cristiana, che il fidanzato è una “fa fa fafa fa-fa-fa-fa faccia di merda”. Se verrà un nuovo Diluvio Universale, saprete perché. Il tutto è condito con un ‘ridi ridi’, più fastidioso del gatto Virgola.

 

     

 

I video li avete visti, le canzoni le avete ascoltate. Non vi resta che votare. A chi volete far passare il turno? Quale invettiva vi sembra più efficace, al punto di volerla riascoltare per memorizzarla ed utilizzarla, eventualmente, con il/la vostro/a partner? Il Vaffanculo di Lian o il FacciaDiMerda di Rosita Celentano? A voi la scelta.

 

3, 2, 1 … VOTATE!

Annunci

Pubblicato 26 febbraio 2009 da trashcup in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: